Marco Trovato
Reporter Indipendente


Articoli
  Attualita'
Solidarieta'
Societa'
News



ARTICOLI

 
A Kinshasa il medico arriva in furgoncino



Nella capitale della Repubblica Democratica del Congo la clinica itinerante Maisha fornisce assistenza sanitaria a domicilio a migliaia di donne povere e bisognose di cure

Un'ecografia, un lettino, pillole, garze, siringhe, bisturi, sacche di sangue, flebo, kit essenziale per il pronto soccorso... Un dottore, un'infermiera, un tecnico di laboratorio: il tutto stipato dentro un furgoncino rosso recuperato di seconda mano. E' l'ospedale itinerante "Maisha" che porta soccorso a migliaia di donne bisognose della Repubblica Democratica del Congo. «Offriamo assistenza sanitaria a domicilio a chi non ha un mezzo di trasporto né le possibilità economiche per recarsi in un nosocomio», spiega il promotore dell'iniziativa, Dieudonné Sengeyi, medico nel Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia degli Ospedali Universitari di Kinshasa.
     «Spesso le distanze dal più vicino centro di salute sono proibitive almeno quanto i costi per una visita in ambulatorio o per un ricovero ospedaliero». Risultato: solo il 35% delle donne congolesi può permettersi di farsi curare. Il resto deve lottare in solitudine per sopravvivere alle malattie. Malaria, aids, infezioni intestinali e polmonari sono le principali cause di morte. «Le donne incinte sono particolarmente vulnerabili e bisognose di cure», spiega il dottor Sengeyi. In media ogni donna congolese porta a termine cinque maternità nella vita. Ma otto bambini su cento muoiono appena nati, e sei madri su cento soccombono durante il parto. «Per contrastare queste terribili statistiche abbiamo pensato di realizzare una clinica itinerante, in grado di assicurare cure mediche, check-up, esami diagnostici e prevenzione alle donne più povere che abitano nei villaggi in foresta e nei sobborghi degradati della capitale Kinshasa». Da quando è entrata in funzione la Clinique mobile Maisha ha permesso di salvare centinaia di vite umane. «Ma per continuare abbiamo bisogno di sostegno economico», fa sapere il dottor Sengeyi. Per maggiori informazioni: dsengeyi@hotmail.com


Nave-ospedale in Congo
E' approdata al porto di Pointe-Noire, nella Repubblica del Congo, e vi rimarrà ormeggiata fino alla prossima estate la M/V Africa Mercy, la nave-ospedale non governativa più grande al mondo. Dotata di sei sale operatorie e 78 posti letti, ha un equipaggio composto da 400 volontari provenienti da ogni parte del mondo che assicurano a bordo circa 7.000 delicate operazioni in un anno. www.mercyships.ch/it/.






Tutti i diritti sono riservati.
E' vietata la riproduzione, anche parziale, dei testi e delle immagini, senza l'autorizzazione scritta dell'autore.
E-mail: info@reportafrica.it.
Realizzato da www.kridea.com.
Elenco Totale Articoli

Warning: getenv() has been disabled for security reasons in /var/www/www.reportafrica.it/articoli.php on line 286