Marco Trovato
Reporter Indipendente


Articoli
  Attualita'
Solidarieta'
Societa'
News



ARTICOLI

 
KENYA HI-TECH

A Nairobi spopolano i maghi dei computer

Hanno meno di trent’anni, brillanti carriere scolastiche, tasche piene di diavolerie digitali… E una sola spudorata ambizione: stupire il mondo con i prodigi dell’informatica

I vecchi stregoni dei villaggi non fanno più notizia. In Kenya i riflettori oggi sono puntati su una nuova generazione di sciamani metropolitani: i maghi dei computer. Hanno meno di trent’anni, brillanti carriere scolastiche, tasche piene di diavolerie digitali… E una sola spudorata ambizione: stupire il mondo con i prodigi dell’informatica. Wilfred Mworia, studente d’ingegneria e programmatore freelance, è già diventato un mito nella comunità hi-tech: il software da lui brevettato permette di visualizzare sul display dell’iPhone una mappa degli eventi che avvengono nella propria città. «La vera magia – rivela il ragazzo - è che le notizie sono aggiornate in tempo reale dagli stessi utenti che possono interagire con il sistema». Incredibile, se si pensa che Wilfred non ha mai visto funzionare dal vivo il celebre telefonino della Apple. «La sua sofisticata tecnologia non è ancora arrivata fin qui - precisa – Per superare l’ostacolo ho utilizzato un simulatore dell’iPhone scovato su internet». Geniale. Un giorno forse sarà ricco e famoso, per ora si è guadagnato una citazione di merito sul New York Times. E il suo successo non è affatto un caso isolato.
     Nairobi è una città vibrante e moderna. Dove la telefonia mobile ha varcato i confini dell’immaginabile. Basti pensare all’innovativo servizio M-Pesa, che trasforma il cellulare in bancomat, e permette di inviare soldi pigiando un tasto del telefonino: per saldare il ristorante o comprare la moto si usa la propria scheda prepagata anziché il conto in banca. E che dire del fortunato programma “Freesms” distribuito dalla Koinonia Technologies, una società fondata da ragazzi nati negli slum della capitale? «Sfruttiamo le potenzialità della rete GSM per promuovere campagne di marketing e di pubblicità» spiega John Anyon. «E’ bastato guardarsi attorno per capire che la nostra idea avrebbe funzionato». L’ennesima prova che i giovani di Nairobi affollano gli internet cafè non solo per scaricare foto, ascoltare canzoni o sbirciare qualche sito proibito. A migliaia passano le loro giornate davanti ai monitor per scambiarsi opinioni sui blog tecnologici, chattare con amici programmatori, sfogliare le riviste straniere specializzate. E, naturalmente, cercano lavoro inviando “video-curriculum” – l’ultima frontiera del recruiting online - alle multinazionali dell’informatica. Il futuro dell’Africa è davvero a portata di mouse.



Tutti i diritti sono riservati.
E' vietata la riproduzione, anche parziale, dei testi e delle immagini, senza l'autorizzazione scritta dell'autore.
E-mail: info@reportafrica.it.
Realizzato da www.kridea.com.
Elenco Totale Articoli

Warning: getenv() has been disabled for security reasons in /var/www/www.reportafrica.it/articoli.php on line 286