Marco Trovato
Reporter Indipendente


Articoli
  Attualita'
Solidarieta'
Societa'
News



ARTICOLI

 
SAPORI PREGIATI

Guida alla scoperta dei prodotti tipici dell’Africa


L’Africa produce cibi e colture di grande qualità. Frutto della sapiente cura di contadini e allevatori. L’associazione Slow Food è impegnata a tutelare e promuovere questo prezioso patrimonio di alimenti gustosi e genuini


Egitto
Datteri dell'oasi di Siwa
     Nel cuore del deserto egiziano occidentale sorgono i rigogliosi palmeti curati dall'associazione Scdec (Siwa Community Development Environmental Conservation). I frutti, unici per sapore e consistenza, sostengono la povera economia locale.

Etiopia
Caffè della foresta di Harenna
     Dal 2006 Slow Food promuove il caffè selvatico della foresta di Harenna, nel Parco nazionale del Bale: un prodotto di eccellente qualità, che cresce spontaneamente e viene essiccato in modo naturale.

Etiopia
Miele del Vulcano di Wenchi
     È un alimento nutriente e sano di grande tradizione. Slow Food ha aiutato gli apicoltori della regione di Oromia a migliorare le tecniche di produzione al fine di ottenere un miele puro e di qualità, adatto per la vendita.

Kenya
Sale di canna fluviale
     A Naboyole, nel Kenya occidentale, la popolazione estrae il sale da una pianta fluviale: un tipo di canna che viene fatta essiccare al sole prima di essere bruciata. La cenere viene mescolata con acqua calda, filtrata e bollita: si ottiene una preziosa purea salata.

Kenya
Yogurt con la cenere pokot
     I pastori pokot allevano vacche a capre. Il loro latte viene versato in zucche vuote e lasciato riposare per almeno tre giorni. Una volta scolato il siero, allo yogurt si aggiunge la cenere ricavata dalla combustione di un albero locale, che migliora e aromatizza il gusto.

Madagascar
Vaniglia di Mananara
     È una delle spezie più preziose al mondo. Slow Food ha favorito la certificazione del prodotto e la sua vendita diretta, garantendo ai contadini della cooperativa di Manara maggiori margini di guadagno.

Mali
Aromi dogon
     Il popolo dogon è famoso per la produzione dello scalogno (che può essere tostato e macinato per ottenere sughi). Ma negli orti ricavati sull’altopiano di Bandiagara si coltivano anche il gombo, il baobab e al nerè, da cui si ricavano altre gustose polveri di condimento.

Marocco
Olio di argan
     Simile all’olivo, l’argan cresce solo sulla costa meridionale del Marocco. Da secoli le donne si tramandano la tecnica per ricavare dalle sue bacche un olio dorato e dal sapore di nocciola. Ottimo per cucinare e condire.

Marocco
Zafferano di Taliouine
     Nel cuore di un altopiano brullo, nel Marocco sud-occidentale, Taliouine è celebre per la produzione di un eccellente zafferano. Coltivato tra i 1200 e i 2400 metri, ha un aroma intenso e inimitabile.

Mauritania
Bottarga di muggine
     Gli Imraguen sono pescatori nomadi che seguono i movimenti dei grandi banchi di cefali dorati. Con le loro uova, che vengono salate, risciacquate e fatte essiccare naturalmente, le donne preparano una bottarga tradizionale. Impareggiabile.

Senegal
Succhi di frutta selvatica
     Il delta del Saloum è un intricato dedalo di acque salmastre e fluviali, isole e radure. In questa regione crescono numerosi frutti selvatici - quali carcadè, ginger e tamarindo – che la popolazione locale trasforma in gustosi succhi e confetture ricchi di vitamine.


Slow Food
     Fondata in Italia da Carlo Petrini nel 1986, Slow Food è un'associazione non profit con 100mila soci in 130 Paesi. Promuove un cibo buono e di qualità, proveniente da produzioni che rispettino l’ambiente, tutelino la biodiversità e riconoscano la giusta remunerazione ai produttori. Slow Food opera per la salvaguardia delle cucine locali e delle colture tradizionali, e sostiene un nuovo modello di agricoltura e di allevamento meno intensivo e più pulito. L’associazione organizza Terra Madre, il meeting mondiale tra le Comunità del Cibo, giunto alla sua quinta edizione. www.slowfood.it



Tutti i diritti sono riservati.
E' vietata la riproduzione, anche parziale, dei testi e delle immagini, senza l'autorizzazione scritta dell'autore.
E-mail: info@reportafrica.it.
Realizzato da www.kridea.com.
Elenco Totale Articoli

Warning: getenv() has been disabled for security reasons in /var/www/www.reportafrica.it/articoli.php on line 286