Marco Trovato
Reporter Indipendente


Articoli
  Attualita'
Solidarieta'
Societa'
News



ARTICOLI

 
MAJORETTES A KINSHASA

Un nuovo originale mestiere per le ragazze del Congo

Alle prime lezioni le giovani fanno fatica a impugnare l’attrezzo del mestiere. Poi, in poco tempo, prendono confidenza col bastone…



Bernadette Moukendy, 44 anni, è una forza della natura. Non smette un attimo di lavorare e di progettare il futuro. Non è capace di fermarsi, deve sempre guardare avanti, inventarsi qualcosa di nuovo. «C’è troppo da fare qui, la gente ha bisogno di aiuto», dice con semplicità. E ha ragione: la Repubblica Democratica del Congo è uno dei più poveri e malandati Paesi africani. «Quando sono rientrata a Kinshasa, dopo essere vissuta molti anni in Belgio, ho trovato una situazione spaventosa».
Ma Bernadette non è scappata e ha deciso di investire tutte le sue energie in una sfida generosa e difficile: aiutare le giovani della capitale a risollevarsi dalla miseria. Come? «Con la danza e l’istruzione», spiega. «In Belgio ero una majorette: accompagnavo una banda locale dando vita a show entusiasmanti… Volevo portare questa mia passione in Africa, dove il ritmo e la danza sono di casa». Nel 1994 Bernadette inizia a tenere corsi di ginnastica ritmica finalizzati alla formazione di majorette. «Era un’esca per attrarre le ragazze che non facevano studi regolari e che rischiavano di passare le loro giornate sulle pericolose strade della capitale», chiarisce.
     Alle prime lezioni le giovani fanno fatica a impugnare l’attrezzo del mestiere. Poi, in poco tempo, prendono confidenza col bastone, cominciano a farlo roteare, a lanciarlo in aria per poi riafferrarlo con sempre maggiore sicurezza. L'esperimento riesce e le majorette di Bernadette – una sessantina in tutto - realizzano esibizioni coreografiche, via via più complesse e spettacolari. E cominciano ad essere richieste per animare feste, inaugurazioni, anniversari. «Un giorno ci siamo ritrovati ad accogliere all'aeroporto il ministro degli Esteri belga», racconta. «Per l’occasione abbiamo preparato uno spettacolo di danza basato su una canzone popolare fiamminga, che naturalmente ha avuto molto successo». Al punto che il ministro decide di sostenere il progetto offrendo un finanziamento di tre anni per una scuola che Bernadette battezza col nome di Multicarte, sinonimo di "multimenu", ovvero un programma che comprende tante cose (danza, istruzione, sport, majorette, formazione professionale).
     Oggi gli aiuti dal Belgio sono terminati, ma le majorette congolesi continuano ad esibirsi, tra giravolte e acrobatiche evoluzioni, in occasione di cerimonie ufficiali, feste di matrimonio, sfilate nei giorni di festa nazionali. Le loro coreografie contribuiscono a finanziare la scuola, dove altre ragazze possono istruirsi gratuitamente e imparare a guardare al futuro con la stessa tenacia e la stessa passione di Bernadette.

La scuola di majorette di Kinshasa è sostenuta dalla Ong Terre des hommes Italia. Perché contribuisce a contrastare il fenomeno dell'abbandono scolastico, molto diffuso in Congo. Informazioni e aiuti: tel. 02 28970418, www.terredeshommes.it.



Tutti i diritti sono riservati.
E' vietata la riproduzione, anche parziale, dei testi e delle immagini, senza l'autorizzazione scritta dell'autore.
E-mail: info@reportafrica.it.
Realizzato da www.kridea.com.
Elenco Totale Articoli

Warning: getenv() has been disabled for security reasons in /var/www/www.reportafrica.it/articoli.php on line 286