Marco Trovato
Reporter Indipendente


Reportages
  Asmara Express
Bambini Maledetti
Bare del Ghana
Bijagós
Boavista
Casamance
Credere a Kinshasa
Dogon
Eritrea libera
I segreti delle oasi
Il Paradiso della Corsa
Il genio del cioccolato
Islam Nero
La borsa di Nairobi
La città della musica
La diga di Bujagali
La guerra dei rifiuti
La guerra del biliardo
La leggenda del santo allenatore
La nuova Libia
Le isole del cacao
Liemba
Luanda, la rinascita
Magico Sudafrica
Missionari nel Sahara
Mogamma
Mozab
Muezzin del Cairo
Nel regno del Barotseland
Piccoli mendicanti di Allah
Pigmei
Radio Mali
Rasta d'Etiopia
Rose in Etiopia
Sahara algerino
Saharawi
Sapeurs
Shalom Uganda
Skate Uganda
Sudafrica, Dance For All
Touba
Tuareg
Un calcio ai pregiudizi
Una Chiesa nell’oceano
Valle dell'Omo
Viaggio nel Buio



CASAMANCE


Turismo alternativo in Senegal

Non tutto il paradiso è stato venduto. Almeno per ora, resiste nel cuore dell'Africa Occidentale una regione di straordinaria bellezza paesaggistica non ancora colonizzata dai grandi tour operator occidentali. E' la Casamance, estrema propaggine meridionale del Senegal: un posto magico per una vacanza intelligente, all´insegna della solidarietà e della condivisione con gli africani.

La piroga si fa strada tra le radici degli alberi fluviali. Pierre, la nostra guida, ci indica con il machete alcuni uccelli che volano sulla laguna: “Sono gli animali più intelligenti della foresta, sono furbi e saggi perché sanno ascoltare e imparare dagli uomini.
Per scoprire i nostri segreti, costruiscono i loro nidi tra i rami dell’albero sacro, sotto cui si riuniscono gli anziani per prendere le decisioni più importanti. Ed è per questo che la gente li rispetta e li venera. Perché gli uccelli ci conoscono molto bene. Conoscono i nostri difetti, i nostri peccati, le nostre virtù. Noi, invece, di loro, sappiamo solo che sono belli e liberi. E che non dobbiamo farli arrabbiare perché questo è il loro regno”.
UN SANTUARIO DELLA NATURA
     Ci troviamo in Casamance, estrema propaggine meridionale del Senegal, una lunga striscia di terra (400 km di lunghezza per 70 di larghezza) stretta tra la foresta pluviale guineana, le fredde acque dell´oceano e le cocenti savane dell´entroterra.
E´ un santuario naturale di straordinaria bellezza non ancora colonizzato dai grandi tour operator. Villaggi solitari, foreste di mangrovie, spiagge di finissima sabbia bianca: il posto ideale per coniugare tranquilli soggiorni balneari con emozionanti escursioni in un ambiente selvaggio e appartato; un paradiso tropicale da consigliare a chi ama il turismo fai-da-te e desidera avvicinarsi senza finzioni né filtri alla magia dell´Africa Nera.
NIENTE TOUR OPERATOR
     Vista da un aereo che la sorvola, la Camargue d'Afrique (così la battezzarono ai tempi della colonia i francesi)
appare come un labirinto di fiumi, stagni e acquitrini, attorno a cui occhieggiano palme e tetti di paglia.
Qui gli alberghi e i villaggi turistici si contano sulle dita delle mani e spesso, come nel caso del Club Mediterranée, si tengono timidamente ai margini della regione.
Non c'entrano gli ostacoli dell'ambiente, che pure hanno da sempre reso faticosa la penetrazione straniera ed isolato le popolazione. E neppure i disordini che sporadicamente infiammano il confine con la Guinea Bissau. No, in Casamance è stata un'oculata politica delle amministrazioni locali a respingere con decisione l'aggressione del turismo "mordi e fuggi", quello - per intenderci - delle offerte "tutto compreso" e delle sceneggiate folcloristiche pubblicizzate su depliants patinati.
OSPITALITA' GENUINA
     Ai turisti vengono offerti i "campements intégré" ("campeggi integrati"), complessi costruiti dagli abitanti dei villaggi secondo i metodi e con i materiali tradizionali: legno grezzo per la struttura, argilla per i muri e foglie di palma per il tetto. L´aspetto esteriore delle dimore è grazioso, l´interno è arredato con gusto in stile afro: qualche batik, 2-5 letti in listelli di bambù, vasellami in terracotta e zucche essiccate, esposte all´ingresso per tenere lontani gli spiriti maligni della foresta.
Capanne di essenziale semplicità per adeguarsi alla stile di vita di qui.
Nulla a che vedere con il lusso e lo sfarzo dei villaggi turistici convenzionali, semmai una sistemazione simile a quella dell´ostello o del bungalow. Niente piscine né aria condizionata, niente acqua calda né televisione in camera, ma piuttosto stanze monacali, comfort rudimentali e, a tavola, piatti tipici della cucina senegalese. Il tutto offerto con dedizione a prezzi assolutamente onesti.
I campements sono il risultato di un tentativo autentico e serio di portare, con beneficio reciproco per ospiti e nativi, il turismo in zone mai toccate prima, senza per questo sfregiare l´ambiente con colate di cemento o costruzioni ipertecnologiche. Per il visitatore di passaggio, inoltre, rappresentano un ottimo modo per entrare in sintonia con la gente del posto e toccare con mano l´autenticità della cultura africana, non ancora alterata dall´influenza occidentale e calpestata dalla modernità.
PROGETTI DI SVILUPPO
     Sorti a partire dalla fine degli anni Settanta, i "campements integre" costituiscono un´inedita soluzione di compromesso tra i benefici del turismo e le sue attitudini troppo spesso distruttive (sia sul piano ecologico che su quello sociale e culturale), un´esperienza originale che dovrebbe essere presa da esempio da altri Paesi africani: essi si inseriscono infatti nel contesto di uno sviluppo autogestito eco-sostenibile e sono amministrati dalla comunità locale che ne utilizza i guadagni per opere di interesse collettivo.
Solitamente la base associativa che gestisce il campement è costituita da una cooperativa; a volte può capitare che essa funga da strumento per il mutuo-soccorso e che dunque serva a sostenere nel momento del bisogno una famiglia in particolare difficoltà. In alcuni villaggi in questo modo sono stati finanziati la costruzione di scuole, magazzini e piccoli ospedali. In altri sono stati avviati dei progetti di salvaguardia e di promozione ambientale, oppure si è provveduto ad acquistare collettivamente strumenti e materiali utili per il lavoro agricolo e la pesca (e pensare che una recente indagine ha rivelato che circa l'85 per cento dei guadagni realizzati da un villaggio turistico in Africa torna dritto dritto in America o in Europa).
Inoltre, grazie ai campements, sono stati creati in questi anni nuovi sbocchi occupazionali che assicurano ai lavoratori africani dei salari equi e dignitosi.
UN POPOLO DA SCOPRIRE
     Il turista che decide di soggiornare in uno di questi complessi, oltre a sostenere quest´idea di "ecovacanza solidale", ha la possibilità di immergersi completamente nella vita dei Diola, un'etnia di animisti e feticisti, che ha preservato gelosamente gli usi e i costumi della tradizione, respingendo con fierezza ogni tentativo d´islamizzazione (circa il 92 % dei senegalesi è musulmano).
Tranquilli, socievoli e cordiali, i Diola sono felici di ospitare i turisti nei loro villaggi, purché questi rispettino il loro habitat e il loro stile di vita. Il ritmo delle giornate nei villaggi è cadenzato dalle donne che, a colpi di pestelli, macinano la farina negli appositi mortai di legno. Le ragazze più giovani lavorano nelle risaie e nei campi dove si coltivano miglio, sorgo, mais e arachidi.
I ragazzi, invece, si occupano di "spillare" il vino di palma: di colore biancastro e dal sapore decisamente acidulo, questa popolarissima bevanda viene prodotta artigianalmente intagliando i rami superiori della palma, e viene raccolta arrampicandosi in cima alle piante.
E´ leggermente alcolica ed ha un ciclo breve di fermentazione: prelevato dall´albero al mattino, il liquido che ne è linfa, diventa più forte verso sera, per essere già un po´ passato il giorno seguente.
Gli uomini vanno a pesca. All´alba partono sulle loro piroghe, portando con sé grappoli di gris-gris, i potenti talismani-portafortuna realizzati dai vecchi del villaggio. Ma non hanno di che preoccuparsi: le acque dell´Atlantico di fronte alla Casamance sono tra le più pescose della Terra. Tonni, sardine, merluzzi, pesci spada, sogliole e crostacei di vario tipo finiscono in grandi quantità nelle reti dei Diola (volendo, è possibile chiedere a qualche pescatore di imbarcarvi sulla sua piroga: sarà un´esperienza indimenticabile). Il pesce viene venduto fresco al mercato, oppure viene pulito dalle donne, affumicato, coperto di sale e messo a essiccare sulla spiaggia.
LA MUSICA DEL DJEMBE
     Nel tardo pomeriggio, la gente del posto invita i turisti nelle proprie capanne per offrire la noce di cola, un frutto giallo e rosso dalle proprietà eccitanti e antiaffaticamento che, nella cultura senegalese, possiede un alto valore rituale: spezzata e distribuita agli ospiti, è segno di amicizia e rispetto.
Alla sera e i suoni del "djembe" (uno strumento a percussione realizzato con tronchi di legno duro e pelle di antilope) animano le feste dei villaggi, mentre i racconti dei "griot", i cantastorie tradizionali, accompagnano i riti propiziatori. Nelle notti di luna piena e durante il periodo del raccolto, gli spiriti della foresta si materializzano con danze suggestive e maschere ancestrali. Il tutto, lontano anni luce dalle chiassose mete del turismo di massa.


INFORMAZIONI PRATICHE
I campements intégré della Casamance sono una dozzina; i più attivi si trovano nei villaggi di Oussouye, Elinkine, Affinian, Koubalan, Thionk-Essyl, Baila, Abéné, Kafountine, Seleki e Emanpore (in questi due ultimi villaggi potrete soggiornare nelle famose case a "impluvium"). Vale la pena di munirsi di una buona cartina della regione: il posto migliore per acquistarla è l´Institut Géographique National, 14 Rue Victor Hugo a Dakar. Le tariffe sono identiche in tutti i campeggi (raramente accettano carte di credito): per il pernottamento 10 mila lire, per un pasto 8 mila, per la prima colazione 5 mila lire. E´ possibile prenotare al Servizio regionale del turismo (casella postale 545 a Ziguinchor, capoluogo della Casamance, tel. 00221-991-12-68). I collegamenti sono assicurati dai coloratissimi pulmini che partono quotidianamente da Dakar, da Ziguinchor e da Banjul, capitale della confinante Gambia; il modo più piacevole per spostarsi è in ogni modo quello della popolazione locale: la piroga (è possibile noleggiarla oppure usufruire di una sorta di servizio di trasporto fluviale pubblico). In alternativa, la mountain-bike può rappresentare una buona soluzione: portatevi dei lubrificanti secchi per gli ingranaggi e tutto l´occorrente per riparare le forature. Un ultimo consiglio: prima di partite procuratevi anche qualche musica di Youssu N´Dour, Touré Kounda, Ismael Lo o Babamal: sono il miglior prodotto d´esportazione senegalese e rappresentano sicuramente la colonna sonora ideale per un viaggio in Casamance. Maggiori informazioni organizzative si trovano sulle guide editoriali "Senegal Gambia", di Somarè e Vigorelli, Clup edizioni, e "Le guide Routard Africa Occidentale", Hachette Livre, Touring Editore.
 



Tutti i diritti sono riservati.
E' vietata la riproduzione, anche parziale, dei testi e delle immagini, senza l'autorizzazione scritta dell'autore.
E-mail: info@reportafrica.it.
Realizzato da www.kridea.com.
Elenco Totale Articoli

Warning: getenv() has been disabled for security reasons in /var/www/www.reportafrica.it/reportages.php on line 144