Marco Trovato
Reporter Indipendente


Reportages
  Asmara Express
Bambini Maledetti
Bare del Ghana
Bijagós
Boavista
Casamance
Credere a Kinshasa
Dogon
Eritrea libera
I segreti delle oasi
Il Paradiso della Corsa
Il genio del cioccolato
Islam Nero
La borsa di Nairobi
La città della musica
La diga di Bujagali
La guerra dei rifiuti
La guerra del biliardo
La leggenda del santo allenatore
La nuova Libia
Le isole del cacao
Liemba
Luanda, la rinascita
Magico Sudafrica
Missionari nel Sahara
Mogamma
Mozab
Muezzin del Cairo
Nel regno del Barotseland
Piccoli mendicanti di Allah
Pigmei
Radio Mali
Rasta d'Etiopia
Rose in Etiopia
Sahara algerino
Saharawi
Sapeurs
Shalom Uganda
Skate Uganda
Sudafrica, Dance For All
Touba
Tuareg
Un calcio ai pregiudizi
Una Chiesa nell’oceano
Valle dell'Omo
Viaggio nel Buio



FRATELLI DEL DESERTO

Missioni nel Sahara algerino

"Prima di parlare di dialogo interreligioso, occorre conquistarsi la fiducia e l´amicizia della gente". Con questo programma di vita, i Piccoli Fratelli del Vangelo - i missionari che si ispirano a Charles de Foucauld - rimangono da anni accanto alle popolazioni del Sahara algerino, cucendo pazientemente una collaborazione che riesce a superare le ferite di un Paese insanguinato da anni di guerra civile.

Diocesi di Laghouat, Sahara algerino
     Lo shimun, il vento del deserto, sferza con violenza le pareti della tenda, ma nessuno sembra preoccuparsene. La gente è rapita dalle parole del cantastorie.
Ascolta in silenzio, ammassata su tappeti sdruciti. In prima fila ci sono i bambini con gli occhi sbarrati e la bocca aperta. Alle loro spalle, stretti nei turbanti, gli uomini e gli anziani. Vicino all´ingresso, nella penombra, si intravedono le donne avvolte nei veli tradizionali. Tutti fissano Xavier, al centro della stanza, mentre scorre le pagine di un libro ingiallito e pieno di polvere. Legge con voce sommessa ma decisa, enfatizzando il racconto con gesti plateali e una straordinaria mimica facciale. Il pubblico segue attento, rompendo di tanto in tanto il silenzio con battimani e fragorose risate.
TRA L'EREMO E IL PALMETO
     Ci troviamo nell´oasi di Beni Abbes, ai bordi del Grande Erg Occidentale, il mare di dune che arriva a lambire i monti dell´Atlante marocchino.
Xavier, il cantastorie, è un religioso francese della congregazione dei Piccoli Fratelli del Vangelo.
Vive in un pittoresco eremo costruito nel 1901 dal visconte Charles de Foucauld: una costruzione bassa, color sabbia, che ricorda tanto i vecchi fortini legionari.
Dopo il tramonto, da oltre vent´anni, Xavier va a far visita ai numerosi amici sparsi nel palmeto dell´oasi. "Porto sempre con me un vecchio libro di favole", spiega. "I nomadi si divertono ad ascoltarle attorno al fuoco della sera". La gente del posto lo chiama "marabut", che in arabo vuol dire uomo di fede, santone, guida spirituale e tante altre cose, ma che in questo caso indica semplicemente il rispetto e il prestigio che la comunità islamica gli riconosce. "Oramai faccio parte della loro grande famiglia: l´amicizia ha stemperato le differenze della fede e ha permesso di costruire dei rapporti di autentica comunione", commenta Xavier.
"In Occidente l´Islam viene spesso dipinto come una religione ostica, chiusa, squassata dal fondamentalismo e incapace di interfacciarsi con la nostra civiltà... Eppure da quanto mi trovo in Algeria ho ricevuto solo attestati di affetto e solidarietà". Gli fanno da eco le parole di padre Andres, suo confratello, da 15 anni nel Sahara algerino: "I musulmani hanno una fede solida e profonda: in un certo senso hanno molto da insegnarci... Dobbiamo cercare nell´amicizia e nella solidarietà quel terreno comune dove poter far germogliare i semi del confronto".
IN SILENZIO TRA LE DUNE
     E´ un approccio partecipativo, il loro, e non dottrinale: una presenza discreta, fatta di relazioni interpersonali costruite con pazienza in anni di dialogo e di partecipazione alla vita dell´oasi.
"Non siamo interessati a fare proselitismi o convertire la gente, desideriamo solo immergerci nella quotidianità di questo Paese, testimoniando con la nostra presenza l´amore verso i nostri amici algerini".
Di tanto in tanto, i due missionari prendono una borraccia con un po´ di acqua, il libro dei salmi e partono per trascorrere una giornata di meditazione e di preghiera in completa solitudine. "Il deserto è il luogo dell´essenziale, dove il superfluo è stato spazzato via. Non ci sono distrazioni, in un certo senso ci si sente obbligati a riflettere sul significato della propria presenza", raccontano. "Il deserto è un invito a vedere le cose al di là delle apparenze. E´ un´esortazione al silenzio, alla riflessione, alla nudità interiore. Alla preghiera".
La pensa allo stesso modo anche Aziz, la mia guida. E´ un musulmano mite, tollerante, ma assolutamente rigoroso. Perfino quando ci troviamo in mezzo alle dune non rinuncia alla preghiere prescritte dal Corano: osserva il sole per individuare la direzione della Mecca, srotola un piccolo tappeto, sgrana il rosario e comincia le abluzioni. E´ un rituale che rinnova cinque volte al giorno e che conclude ripetendomi sempre lo stesso detto tuareg: "Dio ha creato per l´uomo paesi pieni d´acqua dove vivere e deserti di sabbia dove trovare la propria anima".
LA VITA DELL'OASI
     Quando arriviamo nelle oasi la gente ci accoglie con calore offrendoci un riparo e qualcosa da mangiare: zuppe piccanti e spezziate, ricchi piatti di cous cous, il pane cotto nella sabbia. Alla fine del pranzo c´è spesso la noce di cola, un piccolo frutto dal sapore amarognolo che possiede proprietà rivitalizzanti e soprattutto un alto valore rituale: spezzata e distribuita ai visitatori è segno di amicizia e di rispetto.
Le giornate nei villaggi scorrono lente, adagiate su ritmi millenari. Fin dalle prime ore del mattino la gente va a lavorare negli orti creati all´ombra delle palme. Qui ogni metro di terra è stato strappato con fatica al deserto. Buona parte del lavoro finisce sulle spalle delle donne che, tra l´altro, hanno anche il compito di attingere l´acqua dai pozzi, raccogliere la legna, accudire i bambini, cucinare il couscous."Rappresentano la spina dorsale dell´economia della famiglia eppure non godono del riconoscimento dovuto", afferma Renée, 60 anni, una Suora Bianca che abita nell´oasi di Timimoun.
IL SACRIFICIO DELLE DONNE
     In questi ultimi anni, segnati da violenze e massacri, in Algeria le associazioni di solidarietà organizzate tra le mogli, figlie e sorelle delle vittime del terrorismo assieme alle coraggiose organizzazioni di giornaliste, intellettuali e scrittrici, hanno molto contribuito a mantenere vivo il dibattito democratico della società civile, spesso a prezzo della loro vita. "Nonostante i loro sacrifici e la loro lotta di resistenza, ancora oggi le donne algerine devono superare tanti e pesanti ostacoli per non essere cacciate dagli uomini ai margini della vita sociale del Paese", commenta Renée.
La suora parte con il suo fuoristrada per raggiungere i villaggi che sorgono ai margini delle dune: piccole oasi assediate dalla sabbia, dove la temperatura media durante il giorno non scende mai sotto i 50 gradi e dove il tempo è scandito dalle grida dei muezzin. Renée porta con sé una vecchia valigia impolverata piena di fili, aghi e canovacci. Il suo corso di cucito è atteso con impazienza dalle donne perché spezza la monotonia di giornate sempre uguali. "La situazione per le donne nei villaggi è davvero dura, d´altro canto non è nelle mie intenzioni stravolgere il modo di vivere di qui", mi spiega. "Cerco di coniugare gli sforzi per la promozione umana con i costumi tradizionali dettati dalla religione musulmana... Un compito particolarmente delicato che richiede rispetto, equilibrio e sensibilità".
UNA PRESENZA DIVERSA
     Il ruolo dei missionari in Algeria è profondamente cambiato negli ultimi trent´anni ed oggi gli sforzi della Chiesa sono indirizzati in primo luogo alla promozione della vita e al difficile confronto interreligioso con il mondo islamico. "Un tempo le chiese erano piene e la domenica era giorno di festa", mi dice monsignor Michel Gagnon, canadese, 67 anni, vescovo di Laghouat. "Poi, a partire dal 1962, anno del raggiungimento dell´Indipendenza algerina dalla Francia, i coloni hanno fatto ritorno in patria e la comunità cristiana si è svuotata.
Le scuole e gli ospedali gestiti dai religiosi sono stati nazionalizzati. Molte basiliche e cattedrali sono state abbandonate. Alcune sono state lasciate in eredità ai rappresentanti della comunità islamica e sono state trasformate in moschee". La presenza della Chiesa si è stretta intorno a piccole comunità sparse nell´immensità del territorio algerino. "Questi gruppi di cristiani rappresentano un ponte tra due universi troppo spesso antagonisti. Preservano preziosi spazi di accoglienza, di libertà, di condivisione... Di speranza", afferma monsignor Gagnon. "Sono la testimonianza più autentica della possibilità che cristiani e musulmani possano vivere ed operare insieme nel rispetto vicendevole, imparando a conoscersi e a dialogare".
MARTIRI D'ALGERIA
     Oggi in Algeria i cristiani sono qualche migliaio (compresi i numerosi occidentali che lavorano nei cantieri delle società petrolifere), oltre 250 sono i sacerdoti e le religiose. E´ un Chiesa piccola ma forte, che ha dovuto affrontare prove difficili e attraversare momenti particolarmente drammatici. Durante gli anni bui della guerra che ha opposto lo Stato all´Islamismo armato infatti, i religiosi hanno pagato un prezzo molto alto in termini di vite umane (si contano 18 persone ammazzate dai terroristi): ricordiamo tra gli altri, il massacro dei quattro Padri Bianchi a Tizi Ouzou, il rapimento e l´uccisione dei sette monaci trappisti a Tiberine, l´omicidio di Pierre Claverie, vescovo di Orano, avvenuto nel 1996; la strage di altri sette religiosi uccisi con armi da fuoco nelle vie della casbah di Bab el-Qued; senza dimenticare il sacrificio di decine di laici di origine straniera, assassinati per la loro fede cristiana (è il caso dei 12 croati sgozzati nel dicembre del 1993).
Particolarmente difficile è stata la situazione delle comunità sparse al nord del Paese: in Cabilia, sugli altopiani del Mitidja, nella regione di Orano e di Algeri, i luoghi-simbolo delle stragi più sanguinose commesse dai terroristi. "In molti villaggi le tensione è ancora forte e i religiosi sono costretti a spostarsi con la scorta", mi dicono alla casa diocesana di Algeri. "Alla sera restano barricati dentro le abitazioni, porte e finestre ben sigillate".
Eppure, nonostante le ferite impresse dall´ondata di violenze, la Chiesa ha deciso di rimanere accanto alla gente: le congregazioni religiose hanno inviato nuovo personale, le comunità colpite dai terroristi hanno riaperto.
MISSIONI BLINDATE
     "Non è stato facile", ammette Padre Philippe Thiriez, 74 anni di cui 42 trascorsi in Algeria, responsabile della missione di Ghardaya, una di quelle che hanno subito gli attacchi delle bande armate. "Ma sulla paura ha prevalso la volontà di testimoniare la nostra solidarietà verso la gente di questo Paese stupendo". Oggi la missione è circondata da un muro altissimo che la isola dal resto dell´oasi. "Abbiamo dovuto alzarlo per questioni di sicurezza" - commenta Padre Thiriez - "Ma non ci piace perché una comunità cristiana, per sua natura, non dovrebbe avere dei muri di recinzione".
Le attività proseguono come sempre: vengono organizzati dei corsi di lingua straniera per ragazzi, viene gestita una biblioteca in favore dei giovani. Ma soprattutto si cerca di tessere, giorno dopo giorno, la tela del dialogo con i musulmani. "Si dà priorità alla qualità delle relazioni e non alla dimensione delle opere di solidarietà", spiega Paolo Maccario, giovanissimo Padre Bianco originario della provincia di Asti. "E´ necessario superare l´immagine tradizionale del religioso che converte, evangelizza, dona al prossimo... Prima di parlare di dialogo interreligioso occorre conquistarsi la fiducia e l´amicizia della gente".
E´ un compito particolarmente duro e laborioso perché spesso c´è diffidenza e freddezza nei confronti di questi "strani occidentali" che hanno deciso di vivere in terra d´Islam. "Anche i nostri amici musulmani raramente manifestano pubblicamente la loro simpatia, non vogliono esporsi al giudizio della comunità islamica", racconta Paolo. "Però quando hanno bisogno di confidarsi, vengono a cercarci perché sanno di trovare nella nostra casa delle persone aperte al confronto e interessate ai problemi e alle angosce che stanno vivendo in questi momenti tanto delicati".
EQULIBRIO DELICATO
     In effetti la situazione economica e sociale in Algeria resta difficile. Otto anni di guerra e violenze ha prodotto centomila morti, un milione di feriti e l´isolamento internazionale del Paese. Il processo di riconciliazione nazionale, promosso dal presidente Bouteflika, ha restituito un po´ di fiducia alla gente, ma non è ancora riuscito a fermare i massacri. Dall´inizio dell´anno, quando è scaduto il tempo per beneficiare dell´amnistia concessa dalla legge sulla concordia civile, si sono contate oltre 500 vittime. E gli irriducibili militanti dei Gruppi islamici armati hanno giurato di lottare fino alla vittoria finale.
In una fase così delicata per della vita del Paese, dove è ancora forte la minaccia di un ritorno del fanatismo islamico, la presenza della Chiesa rappresenta una garanzia di pluralità e di tolleranza da preservare.
IL VESCOVO DI ALGERI
     "E´ il diritto alla differenza che viene rivendicato dalla nostra presenza", spiega Henri Teissier, arcivescovo di Algeri. "Un diritto che la grande maggioranza dei musulmani riconosce, apprezzando una diversità che per loro è ricchezza". Settant´anni portati bene, di cui oltre 50 trascorsi nel Maghreb, Teissier è uno dei maggiori conoscitori del mondo musulmano e viene considerato l´uomo del dialogo con l´Islam nordafricano. Succeduto al cardinale Etienne Duval nel 1988 alla giuda della Chiesa algerina, ha vissuto in prima persona le tensioni della guerra tra Stato e terroristi islamici.
"La gente ha molto apprezzato il fatto che la Chiesa sia rimasta accanto alla gente nei momenti più difficili della crisi: il sacrificio dei religiosi martirizzati non è passato inosservato... Ora possiamo inaugurare una nuova stagione del confronto e del dialogo".
"L´importante è lasciarsi alla spalle i pregiudizi" prosegue a spiegare Teissier. "Paghiamo decenni di arretratezza culturale nello studio di una Fede che per molti aspetti ci è vicina: il rapporto con l´Islam sarà la grande sfida del nuovo millennio. Non dobbiamo farci illusioni: sarà un incontro-scontro, ma ci arricchirà reciprocamente".


APPROFONDIAMO
LA CRISI ALGERINA
La situazione in Algeria resta difficile. L´economia è soffocata dal debito estero e rimane vincolata all´esportazione degli idrocarburi, la produzione agricola è ridotta ai minimi termini, il tasso di disoccupazione giovanile sfiora il 30 per cento. Il sensibile aumento del prezzo del petrolio ha dato una mano agli sforzi di risanamento finanziario effettuati dal presidente Bouteflika, ma il Paese ha bisogno di almeno 30 miliardi di dollari per ammodernare la propria economia. E´ ovvio che questo fiume di denaro affluirà dall´estero solo se sul piano interno si manterranno e si consolideranno la stabilità e la sicurezza. Su questa scommessa si gioca il prestigio di Bouteflika ma soprattutto il destino del popolo algerino.

I GRANDI DELLA CHIESA ALGERINA
Diverse personalità carismatiche della Chiesa algerina hanno lasciato un segno indelebile nella storia: ricordiamo, tra gli altri, S. Agostino (354-430), vescovo di Ippona, l´attuale Annaba, definito recentemente dal presidente Bouteflika un "grande uomo della cultura algerina"; monsignor Charles Lavigerie (1825-1892), primo arcivescovo di Algeri e fondatore dell´ordine missionario dei Padri Bianchi e delle Suore Bianche; il visconte Charles de Foucauld (1858-1916) che dopo anni di vita sregolata decise di stabilirsi nel deserto per vivere tra i musulmani una vita di povertà e preghiera ispirata alla vita di Gesù. Non possiamo non citare, infine, monsignor Pierre Claverie, a capo della diocesi di Orano, ucciso con una bomba il primo agosto 1996: aveva dedicato la sua vita a favorire il dialogo fra Islam e Cristianesimo ed era conosciuto come "il vescovo dei musulmani".

L´ALGERIA IN CIFRE
Con una superficie di quasi 2 milioni e mezzo di chilometri quadrati (sette volte quella italiana), l´Algeria è il più esteso dei Paesi maghrebini e, dopo, il Sudan, il secondo dell´intero continente africano. Oltre l´ottanta per cento del suo territorio è costituito da regioni aride e desertiche: questo spiega perché più del 95 per cento della popolazione sia concentrata nel 12 per cento del territorio, a nord e soprattutto lungo i 1200 km della costa mediterranea. L´ultimo censimento ha contato quasi 30 milioni di abitanti (con una densità di soli 13 persone per chilometro quadrato), il 62 per cento è alfabetizzato. La lingua ufficiale è l´arabo, sono diffusi anche il francese e il berbero. Oltre il 99 per cento della popolazione professa la religione islamica sunnita. Il prodotto interno lordo, pro capite, è di 4 mila dollari. L´aspettativa di vita è di 69 anni.

LA STORIA
La recente storia algerina è stata macchiata dalla violenza e dal sangue. Dopo una lunga guerra di Liberazione, costata la vita a quasi un milione di persone, l´Algeria ottiene l´Indipendenza dalla Francia nel 1962. Al potere vanno gli uomini del Fronte di Liberazione Nazionale, manovrati dalla potente lobby militar-affaristica che in trent´anni prosciugherà le casse dello Stato. Nel 1989 la nuova Costituzione mette fine al regime socialista del partito unico. In vista dell´affermazione del Fronte Islamico di Salvezza, nel 1991 il Governo annulla le elezioni politiche e sospende le garanzie costituzionali. Il processo di democratizzazione viene interrotto, inizia la guerra civile. Nell´aprile del 1999 viene eletto presidente Bouteflika, 62 anni: promette di chiudere il tragico capito del terrorismo e di fare uscire dalla crisi l´Algeria.

 



Tutti i diritti sono riservati.
E' vietata la riproduzione, anche parziale, dei testi e delle immagini, senza l'autorizzazione scritta dell'autore.
E-mail: info@reportafrica.it.
Realizzato da www.kridea.com.
Elenco Totale Articoli

Warning: getenv() has been disabled for security reasons in /var/www/www.reportafrica.it/reportages.php on line 144